Cattedrale dell'Annunziata

cattedrale otranto

La Cattedrale, costruita intorno al 1080, rappresenta uno dei monumenti in stile romanico più importanti della Puglia.

Di grande impatto è il rosone rinascimentale sulla facciata principale, realizzato nel 1481 in occasione della ricostruzione dopo gli attacchi dei Turchi, come anche il portale barocco, costruito nel 1674. Un altro portale rinascimentale, risalente al 1481, è presente sulla facciata sinistra, insieme a nicchie con busti raffiguranti i vescovi della zona.

L'interno della Basilica è diviso in tre navate con 14 colonne di granito levigato sormontate da capitelli e il soffitto della navata centrale è costituito da cassettoni dorati su sfondo bianco e nero. L'altare maggiore è collocato nel presbiterio ed ha come decorazione una raffigurazione dell'Annunciazione in argento. Vicino al transetto vi è un importante pulpito settecentesco in legno e nella navata laterale destra, vicino alla sagrestia, sono presenti un organo in legno del '700 e la Cappella dei Martiri, in cui sono conservate le ossa di oltre 500 martiri idruntini e la pietra usata per il martirio. Nella navata sinistra si può ammirare l'affresco della Pentecoste e il battistero barocco. Il vero tesoro della Cattedrale è il suo mosaico, commissionato dall'arcivescovo Giona e realizzato dal presbitero Pantaleone dal 1163 al 1165. L'elemento centrale è costituito dall'albero della vita, sorretto da due elefanti e terminante con Adamo ed Eva, che va dalla navata centrale fino alle due laterali. Il pavimento è ricco di riferimenti biblici, come l'Arca di Noè, la cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestre, la Torre di Babele e personaggi mitici e leggendari, come Re Artù e Alessandro Magno. La descrizione della storia non è lineare, in quanto il racconto non rispetta le vicissitudini temporali. Durante l'invasione turca, la Cattedrale venne utilizzata come stalla, causando importanti danni al mosaico. Grazie a successivi e continui interventi di restauro, ad oggi è possibile godere di quest'opera di inestimabile valore.

Nella parte sottostante la zona presbiteriale della Cattedrale si trova la Cripta, utilizzata in epoca cristiana come zona funeraria e l'accesso avviene attraverso della scale poste nelle navate laterali. Costruita nel XI secolo, la Cripta presenta una pianta con la classica forma semicircolare, con tre absidi sporgenti e cinque navate ed è sostenuta da 68 colonne monolitiche in marmo collegate tra loro da volte a crociera. Le pareti sono ricche di affreschi cinquecenteschi e di splendide lastre incise.

Orario apertura al pubblico   estate 8.00-12.00 15.00-19.00
    inverno 8.00-12.00 15.00-17.00