Riserva Naturale Baia delle Orte

otranto lago rosso orte

Nella zona a sud di Otranto, alle spalle del porto, si trova la suggestiva Baia delle Orte, accessibile da due strade, una delle quali conduce ad una Masseria fortificata risalente al XVI secolo, che proteggeva la baia dall'approdo dei pirati. Ai piedi della Masseria si trova la Grotta Palombara, particolarmente interessante per chi pratica il diving e le escursioni.
Nella baia si trova il lago “Rosso” (vedi mappa, punto verde), un antico giacimento di bauxite, minerale che a partire dal 1940 veniva estratto per ricavare l’alluminio. Intorno al 1976 venne scoperta nella cava una falda acquifera e l’estrazione fu gradualmente abbandonata. Con il passare del tempo lo scavo è stato riempito dalle acque naturali e si è così formato un lago profondo circa 20 metri, ricco di piante paludose e acquatiche. Il colore verde smeraldo dell’acqua è dovuto alla presenza di residui di bauxite e contrasta con il rosso intenso della terra circostante, dato dalla dominante presenza del minerale.
La zona della baia è ricca di alberi di pino e della flora tipica delle zone del Mediterraneo, con un piacevole contrasto di colori: il verde intenso della vegetazione e il rossiccio della terra.
In lontananza si scorge il blu intenso del mare che si unisce all’azzurro del cielo. Più a valle, infatti, si può ammirare la costa frastagliata che si erge sul mare otrantino.